giovedì 18 settembre 2014

COOL TO REUSE – Cosa possiamo riutilizzare. I consigli della nonna



Tutti i giorni eliminiamo come rifiuti molti tipi di oggetti o sostanze che potrebbero in alcuni casi “riutilizzati”. Piccole attenzioni, alcuni consigli e la regola delle tre R (Ridurre, riutilizzare e riciclare) possono aiutarci a rispettare meglio l'ambiente che ci circonda.  
In questo articolo ci occuperemo della seconda R proponendo i consigli delle nostre nonne per riutilizzare oggetti o sostanze della nostra vita quotidiana.


Acqua di cottura delle patate: 
È un ottimo detergente per lavare gli indumenti delicati.

Acqua di cottura delle verdure: 
Ricca di sali minerali, può essere utilizzata non salata come concime per le piante.

Bottiglie di plastica: 
Tagliate a metà e forate nella parte inferiore, diventano, riempiendole di terriccio, contenitori per la semina di piantine da fiore.
Contro le zanzare. Prendete una bottiglia di plastica da due litri circa e tagliatene la parte superiore (poco prima dell'inizio del cono). Capovolgete il cono nel fusto della bottiglia ed incollate i due pezzi insieme, utilizzando della colla o silicone. A questo punto preparate una mistura con acqua tiepida, ½ tazza di zucchero ed un cucchiaino di lievito e versatelo nella bottiglia; le zanzare sono, infatti, attirate dall'anidride carbonica che si sprigiona dal lievito a contatto con lo zucchero, penetrano nella bottiglia pensando che vi sia del cibo e non possono più uscirne.

Bottiglie di vetro: 
Servono per allontanare le talpe dall'orto. Infilarle vuote nel terreno per circa dieci centimetri dalla parte del collo. I rumori prodotti dalle talpe scavando, verranno amplificati dal vetro facendole fuggire.

Bucce di mela: 
Spolverate di zucchero e lasciate bruciacchiare sui fornelli caldi, coprono gli odori della cucina.

Bucce di banana: 
Possono essere utilizzate (dalla parte interna) per lucidare scarpe di pelle scura.

Bucce grattugiate di limoni o arance: 
Messe nella pattumiera, aiutano ad eliminare gli odori sgradevoli.

Bucce di mela con i torsoli e i semi: 
Messi in un sacchetto di tela, possono essere uniti agli ingredienti per preparare le marmellate o le gelatine, favoriranno l'addensamento delle stesse per la pectina contenuta nei residui.

Carta dei sacchetti del pane: 
Aperti e utilizzati dalla parte interna, servono in cucina per assorbire l'unto dei cibi.

Carta dei quotidiani:
Diventa un buon isolante per proteggere i vasi delle piante in inverno oppure può essere utilizzata per pulire specchi e vetri.

Cartoni del latte: 
Lavati, aperti in alto, riempiti di acqua e inseriti sotto i piedi del tavolo in giardino o durante un picnic, formano una barriera per le formiche.

Cartoni del latte: 
Lavati, riempiti di acqua e riposti nel congelatore, possono sostituire, avvolti in un sacchetto di plastica chiuso, il ghiaccio sintetico per le borse termiche.

Cartoni delle confezioni di uova: 
Incollati alle pareti, isolano la stanza dai rumori.

Cartone spesso: 
Tagliato a strisce fissate alle pareti del garage, impediscono di graffiare la carrozzeria dell'automobile.

Cenere: 
La cenere del camino, raffreddata, è un buon fertilizzante da spargere nell'orto e nel giardino. Sparsa intorno ad una pianta la difende dagli attacchi delle lumache.

Collant rotti: 
Possono essere utilizzati sia per lucidare le scarpe che per spolverare, infatti la loro carica elettrostatica attira la polvere. O tagliati a strisce si possono utilizzare come legacci per l'orto.

Contenitori di plastica per detersivi: 
Dopo averli ben lavati, servono in cucina per il recupero degli oli di frittura. Una volta pieni dovranno essere consegnati all’Ecocentro.

Contenitori di plastica per uova: 
Accuratamente lavati, possono essere utilizzati per congelare le uova (tuorli e albumi separati). Si conservano per circa due mesi.

Crema per le mani scaduta:
Passata con un panno sulle scarpe usurate, ridona morbidezza e lucentezza.

Dentifricio:
Fa tornare come nuove le scarpe da ginnastica. Applicate una piccola quantità di dentifricio, strofinate bene con una spazzola e poi asciugate con un tovagliolo di carta per eliminare i residui.
Oppure Elimina le macchie sui muri. Vostro figlio si è divertito a colorare una parete di casa con i pennarelli? Mettete il dentifricio sulla parete e strofinate con un panno umido: i disegni del vostro bambino spariranno come per magia!

Foglie secche: 
Poste alla base delle piante proteggono le radici dal gelo.

Indumenti vecchi: 
Pezze di lana ricavate da vecchie maglie, servono ottimamente per lucidare l'argenteria.

Indumenti vecchi: 
Un indumento vecchio e "non lavato" riposto nella cuccia del cane, gli farà sentire meno la mancanza del padrone.

Paglietta metallica: 
Non saponata, una volta arrugginita, può essere interrata nei vasi delle ortensie alle quali fornirà il nutrimento ferroso a loro necessario.

Pigne: 
Si possono bruciare nel camino, diffondono un piacevole aroma di resina.

Residui di saponette: 
Si possono usare per le bolle di sapone: unire in un recipiente 4 cucchiai di scaglie di saponette con 4 bicchieri di acqua calda. Lasciare riposare per un paio di giorni poi aggiungere un cucchiaino di zucchero e mescolare bene.

Ricci di castagne: 
Messi sul terreno seminato tengono lontani i gatti e gli uccellini.

Sacchetti di plastica:
Con un forellino in un angolo può sostituire in caso di necessità la siringa per decorare le torte.

Segatura: 
Può sostituire in caso di necessità la sabbia igienica per la cassetta del gatto.
Un pò di segatura aggiunta al normale terriccio per invasare le piante, lo manterrà più morbido e tratterrà l'umidità.

Tappi a corona: 
Possono sostituire il materiale di drenaggio nei vasi.

Tappi di sughero: 
Affettati possono sostituire il drenaggio nei vasi.

Tappi di sughero: 
Messi in piedi tra vaso e sottovaso, difenderanno le radici da pericolosi ristagni di acqua, consentendo la giusta umidità.

Tappi di sughero: 
Tagliati a rondelle e incollati sotto le gambe di sedie e tavoli sostituiscono i feltri.





0 commenti:

Posta un commento